Telf. 0034 638 118 780    contacto@helixrentaboat.com

Puerto Deportivo Marina de Formentera – La Savina Formentera (Islas Baleares)

LA POSIDONIA OCEANICA

L’organismo vivente più grande e più lungo del mondo

Una pianta marina essenziale

Sebbene il suo aspetto e la sua posizione sul fondo del mare possano farci pensare che si tratti di alghe, la Posidonia oceanica è una pianta superiore e probabilmente la pianta più importante dell’ecosistema marino di Pitiusas.

I prati di Posidonia sono una specie endemica del Mar Mediterraneo che non è presente in nessun altro mare del mondo. Lo possiamo trovare tra il livello della superficie fino a 30-40 metri di profondità a seconda della trasparenza delle acque, occupando ampie aree della costa mediterranea. È una specie endemica del Mediterraneo e, dal 1999, in particolare, il prato del Parco Naturale di Las Salinas a Ibiza e Formentera è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità.

A differenza delle alghe, ha foglie, stelo e radici, oltre a produrre fiori e frutti. Cresce sia in fondi rocciosi che in fondi mobili, cioè sabbiosi, mentre le alghe lo fanno solo in fondi duri o rocciosi.

Questa pianta svolge un ruolo importante nella dinamica sedimentaria, poiché mantiene fermo il sedimento con le sue radici e crea importanti aree di produzione di ossigeno, riproduzione e rifugio di molte specie animali. Si stima che oltre 400 specie di piante e 1.000 animali abitino i prati di posidonia. D’altra parte, le praterie funzionano come grandi filtri, contribuendo a mantenere l’acqua di mare pulita e trasparente. Allo stesso modo, i posidonia nella sabbia impediscono l’erosione delle spiagge.

Una delle caratteristiche più straordinarie di questa pianta è che è fissata al substrato attraverso rizomi in grado di estendersi per diversi chilometri, producendo milioni di piante dallo stesso clone. Sono stati trovati campioni di posidonia separati per più di 15 chilometri dalla stessa pianta, il che ha portato gli scienziati a stimare l’età di questa pianta in 100.000 anni, essendo l’essere vivente più lungo del pianeta.

La posidonia oceanica è una pianta molto sensibile all’inquinamento, quindi è considerata un buon bioindicatore della qualità dell’acqua. L’aumento dell’inquinamento sulla costa ha causato una notevole riduzione delle praterie, sebbene con la costruzione di impianti di trattamento e sistemi di controllo della qualità sembra che questa riduzione si stia stabilizzando.

Questa pianta, così essenziale per mantenere la biodiversità del Mar Mediterraneo, è catalogata dalla CITES e inclusa nella Lista delle specie selvatiche nel regime di protezione speciale nel Mediterraneo.

Le Isole Baleari hanno una superficie di 55.795 ettari di prati di Posidonia, di cui 7.650 ettari corrispondono alle acque di Formentera. Ciò si traduce in 76,5 milioni di metri quadrati per proteggere solo a Formentera.

Questa pianta svolge un ruolo importante nella dinamica sedimentaria, poiché mantiene fermo il sedimento con le sue radici e crea importanti aree di produzione di ossigeno, riproduzione e rifugio di molte specie animali. La sua presenza consente a molte specie marine di stabilirsi nelle acque di Formentera.

Si stima che oltre 400 specie di piante e 1.000 animali abitino i prati di posidonia. D’altra parte, le praterie funzionano come grandi filtri, contribuendo a mantenere l’acqua di mare pulita e trasparente. Allo stesso modo, i posidonia nella sabbia impediscono l’erosione delle spiagge.

Recenti studi hanno dimostrato che, l’impatto antropico causato da imbarcazioni di diversa lunghezza sui prati di Posidonia, ha causato una drastica riduzione fino al 44% del prato oceanico di Posidonia nella zona settentrionale di Formentera, il che implica un’estensione di 0,59 km2, principalmente a causa della caduta e del sollevamento dell’ancora, nonché dell’effetto dell’aratura causata dal garreo di queste navi e dell’effetto erosivo della catena a causa del borneo. Questo fatto colpisce fondamentalmente, indirettamente, gli uccelli marini causando danni alle comunità bentoniche, in particolare al cormorano fuso del Mediterraneo, a causa del suo carattere costiero e subacqueo e a causa della sua connessione con i prati di posidonia.

È di vitale importanza sensibilizzare il turismo, e in particolare il turismo nautico, all’importanza della conservazione di questo ecosistema di grande diversità biologica.

Fornire informazioni sull’area marina di Formentera e Ibiza e sulla necessità di garantire la corretta gestione di questo spazio e la favorevole conservazione degli uccelli marini che giustifichino la loro integrazione nella Red Natura 2000, come la mediterranea Cenerentola Pardela, la Baleari Pardela, il cormorano moñudo mediterraneo e il gabbiano Audouin, tra gli altri. Ciò che definisce questo habitat di grande interesse ecologico che, tra gli altri aspetti, è fondamentale per l’alimentazione di alcuni uccelli marini, sia nativi che migratori di presenza regolare.

Jacques-Yves Cousteau, il famoso esploratore del mare, ha dichiarato alcuni decenni fa: “Abbiamo trasformato acqua e aria, i due fluidi essenziali da cui dipende la vita, in discariche globali”. Ha contribuito a diffondere i problemi ambientali degli oceani e la necessità di proteggerli. Tuttavia, da allora in molti modi la situazione è solo peggiorata. Soprattutto nel Mediterraneo, uno dei mari più inquinati e sfruttati eccessivamente del pianeta, sottoposto a stress costante ed estremo.

Ciò è confermato da Manu San Felix, biologo marino e National Geographic Explorer con sede a Formentera, che per tre decenni ha visto con i suoi occhi e attraverso la sua inseparabile macchina fotografica il deterioramento di questo mare che ama così tanto. Una delle specie mediterranee che San Félix conosce meglio è la Posidonia (Posidonia oceanica), una pianta molto importante per il corretto funzionamento dell’ecosistema marino: ospita molti organismi, contribuisce alla purificazione dell’acqua, genera grandi quantità di ossigeno Sul fondo del mare, funge da pozzo di assorbimento del carbonio, previene l’erosione della costa e, in sintesi, indica chiaramente il livello di qualità ambientale esistente.

Il ricercatore Carlos Duarte spiega che se la temperatura supera i 28,5 ° C, i tassi di mortalità della posidonia aumentano. Sfortunatamente, dal 2015 ci sono stati lunghi periodi in cui, tra 15 e 20 metri di profondità, la temperatura non scende al di sotto di 29 ° C. Per le comunità di Posidonia, sollecitate dagli ancoraggi e dagli scarichi di acque sporche, queste altissime temperature sono il colpo di grazia. Se non otteniamo lo scenario più ottimistico delineato nell’accordo di Parigi, insiste Duarte, ovvero che la temperatura non superi di oltre 1,5 ° C i valori di riferimento, sarà difficile mantenere la copertura della posidonia in futuro .

Qual è la soluzione a tale quantità di eccessi? Secondo Enric Sala, esploratore del National Geographic e creatore del progetto Pristine Seas, la chiave per recuperare la salute degli oceani è la protezione di vaste aree marine. Questo progetto ha già realizzato la creazione di 17 riserve marine in tutto il pianeta, il che significa un’area protetta di circa 5.000 milioni di chilometri quadrati che gli ha permesso di dimostrare che la conservazione è un affare fenomenale. Effettuando una similitudine con un conto bancario, gli interessi prodotti da una riserva marina in 10 anni raggiungono, in media, il 600%. Vale a dire che il “capitale” (in questo caso, la biodiversità) viene moltiplicato per sei, il che favorisce indiscutibilmente sia i pescatori che il settore turistico.

Ma attualmente solo l’1% del Mediterraneo è protetto. E che, secondo gli esperti, metà dovrebbe già essere preservata e l’altra metà, gestita in linea con i dati scientifici in nostro possesso, che confermano che il 95% delle specie commerciali è sfruttato eccessivamente, in alcuni casi fino a 10 volte da oltre a ciò che sarebbe appropriato.

Come Sylvia Earle, oceanografa e pioniera nell’esplorazione dei mari, dice spesso: «No Blue, No Green. No Water, No Life» (« Senza blu, non c’è verde. Senza acqua, non c’è vita »). Cosa bisogna fare per interiorizzare i responsabili dei centri in cui vengono prese le decisioni? È possibile che con potenti strumenti di diffusione come il documentario Save Our Mediterranean, di Manu San Félix, i nostri manager realizzino una volta per tutte una realtà incontestabile: “ANDIAMO CONTRO L’OROLOGIO”.

Sfortunatamente, il Mar Mediterraneo è il più sfruttato eccessivamente del pianeta e gli scienziati continuano a chiedersi, cosa possiamo fare per garantirne la sopravvivenza? La posidonia, una pianta acquatica endemica di Mare Nostrum, potrebbe essere la chiave per il suo recupero.

Hai una barca di proprietà o in affitto e non vuoi danneggiare la posidonia?

Il Govern de les Illes Balears ha redatto una mappa per guidare le barche. La mappatura della posidonia è stata effettuata dal progetto LIFE POSIDONIA e dal Ministero dell’agricoltura, dell’alimentazione e dell’ambiente.

HELIX RENT A BOAT FORMENTERA

Puerto Deportivo Marina de Formentera, local 6, La Savina – Formentera (Islas Baleares)
Lat. 38º 44′ 2″ N / Long. 1º 24′ 55″ E
Telf. 0034 638 118 780
contacto@helixrentaboat.com

× Hola ¿Cómo puedo ayudarte?